Birre magazine

< torna indietro

La birra perfetta? Esiste: si basa sul tuo DNA

22 marzo 2017 // CURIOSITÀ La birra perfetta? Esiste: si basa sul tuo DNA

“Questa è la mia birra!”. Quante volte avrete pronunciato questa frase, sorseggiando una birra artigianale e pensando di aver finalmente trovato la birra preferita?

E se poteste davvero averla su misura? Ci sono riusciti i mastri birrari di Meantime Brewery che hanno realizzato la birra più personalizzata al mondo, partendo dal DNA del consumatore. Il nostro DNA infatti è in grado di distinguere i gusti che preferiamo e, per la prima volta nella storia della birra, queste preferenze genetiche vengono utilizzate nel settore brassicolo.

 

Dopo una prima fase sperimentale, oggi la possibilità di avere la propria birra personalizzata viene offerta dal birrificio londinese come un vero e proprio servizio, alla portata di pochi eletti (il costo è di 26 mila euro). La birra così ottenuta si adatta perfettamente al palato del committente, che ha la possibilità di partecipare a tutto il percorso produttivo, vivendo un’esperienza unica e portando a casa un prodotto altrettanto esclusivo.

 

L’analisi del DNA viene condotta su un campione di saliva, in collaborazione con 23andMe, il pionieristico laboratorio californiano che si occupa di genetica e che per Meantime individua i profili di sapore preferiti dai recettori del gusto, come la dolcezza e l’amarezza.

La fornitura di birra personalizzata ammonta a un minino di 12 ettolitri (pari a duemila boccali), che vengono imbottigliati ed ulteriormente personalizzati nel naming e nel packaging a seconda delle esigenze del cliente.

Numerosi sono infatti gli optional previsti dal servizio, come un set di bicchieri esclusivi incisi al laser, la consulenza con un’agenzia di creativi per ideare l’etichetta e la possibilità di inserire la propria birra tra quelle in degustazione nella tasting room di Meantime.

C’è però un’opzione che più di altre rispecchia a pieno lo spirito degli appassionati della birra, e che rimarrà un sogno per la maggior parte di loro: rifornire il pub preferito con la propria birra, per condividerla con amici, conoscenti e perché no anche gli altri avventori.

 

Fonti: meantimebrewing.com e cantinadellabirra.it

Condividi

Potrebbero interessarti anche